Stampa

GELATO ALL’ANGURIA

Di Cukò

 0'
Gelato_anguria_52249763_Web

N.B. Utilizzare solo ingredienti senza glutine, verificando l'etichetta riportata sulla confezione del singolo ingrediente e comunque in base a quanto disposto dalle vigenti leggi locali in materia di etichettatura degli alimenti o verificando il prontuario redatto dall'AIC, Associazione Italiana Celiachia.

Ingredienti per 4 persone

Per l'esecuzione
300 g anguria congelata a cubetti di 2 cm
230 g latte congelato a cubetti
230 g panna congelata a cubetti
100 g zucchero Eridania – Zefiro

Esecuzione

Passaggi Accessori Tappo
dosatore
Congelare l’anguria tagliata a cubetti e trasferire in due o più contenitori bassi e larghi, da mettere nel congelatore per almeno 8 ore. - - - - -
Congelare il latte e la panna in due o tre cubettiere per il ghiaccio e mettere nel congelatore per almeno 8 ore. - - - - -
Al momento di consumare, estrarre dal congelatore l’anguria, il latte e la panna e aspettare circa 5 minuti prima di frullare. - - - - -
Inserire poco per volta i cubetti ghiacciati nella boccia e frullare ad impulsi, intervenendo spesso con la spatola per aiutare la lavorazione. Proseguire per un paio di minuti ad amalgamare i tre ingredienti, che devono presentare una consistenza omogenea e cremosa. Lama seghettata tritaghiaccio SI - - 15/20 pulse
Aggiungere lo zucchero e proseguire la lavorazione per il tempo necessario ad incorporarlo nel gelato. Lama seghettata tritaghiaccio SI - - 4/5 pulse

Consigli

Lo zucchero suggerito è altamente solubile ed è l’ideale per dolcificare ingredienti freddi. Per gli alimenti congelati è importante utilizzare la specifica lama seghettata tritaghiaccio ed evitare di frullare pezzi troppo ghiacciati o duri (lasciar passare qualche minuto prima di frullare). Il tempo di lavorazione per gelati e sorbetti è molto variabile e legato alla consistenza e temperatura del composto, che può essere diversa a seconda del congelatore. È necessario proseguire la lavorazione fino a quando non sono più presenti pezzi ghiacciati, intervenendo frequentemente con la spatola, ma evitando di protrarre troppo a lungo la lavorazione per evitare di sciogliere il gelato. Il gelato va consumato immediatamente a fine lavorazione e non va ricongelato; per fare un cono gelato è possibile eventualmente metterlo una mezz'ora nel congelatore, trasferendolo in una vaschetta affinché non perda di consistenza.

Varianti

È possibile realizzare questo gelato con altri tipi di frutta o sostituendo il latte con latte di riso o di mandorle.

Ricette correlate