Stampa

GELATO ALLE FRAGOLE

Di Cukò

 2'
Gelato_fragola_72414563_Web

N.B. Utilizzare solo ingredienti senza glutine, verificando l'etichetta riportata sulla confezione del singolo ingrediente e comunque in base a quanto disposto dalle vigenti leggi locali in materia di etichettatura degli alimenti o verificando il prontuario redatto dall'AIC, Associazione Italiana Celiachia.

Ingredienti per 4 persone

Per l'esecuzione
120 g zucchero
400 g fragole
200 g latte intero
300 g panna fresca
1 g xantano (un pizzico)

Esecuzione

Passaggi Accessori Tappo
dosatore
Inserire lo zucchero e le fragole nella boccia e frullare per il tempo necessario ad ottenere un risultato ben fine. Lama inox SI 2 min - velocità 7
Aggiungere il latte, la panna e lo xantano e frullare ulteriormente ad impulsi. Lama inox SI - - 4/6 pulse
Trasferire il lavorato in due o più contenitori bassi e larghi, da mettere nel congelatore per almeno 8 ore. Al momento di consumare, estrarre il composto dal congelatore tagliare a pezzettoni della dimensione di un cubetto di ghiaccio prima di frullare. - - - - -
Inserire poco alla volta i cubetti ghiacciati nella boccia e frullare a lunghi impulsi, tenendo premuto il tasto per circa 6 secondi e rilasciandolo per altrettanti 6 secondi, intervenendo eventualmente con la spatola per aiutare la lavorazione. Proseguire per il tempo necessario fino ad ottenere una consistenza omogenea e cremosa. Lama seghettata tritaghiaccio SI - - 6/8 pulse

Consigli

Lo xantano è un addensante che rende più cremoso e consistente il gelato; si può acquistare in farmacia o in un negozio specializzato di prodotti dietetici. Il suo utilizzo è facoltativo e la quantità può variare a seconda dei gusti personali: la dose consigliata, 1 g, corrisponde a circa un quarto di cucchiaino. Per alimenti congelati è importante utilizzare la specifica lama seghettata tritaghiaccio ed evitare di frullare pezzi troppo ghiacciati o duri (lasciar passare eventualmente qualche minuto prima di frullare). Nell’ultima fase della ricetta è consigliabile frullare a lunghi impulsi di circa 6 secondi, tenendo ben fermo il prodotto dal manico, intervallando con 6 secondi di pausa: questo aiuta a rendere il gelato più cremoso e non surriscaldare la boccia. Il tempo di lavorazione per gelati e sorbetti è molto variabile e legato alla consistenza e temperatura del composto, che può essere diversa a seconda del congelatore. È necessario proseguire la lavorazione fino a quando non sono più presenti pezzi ghiacciati, intervenendo frequentemente con la spatola, ma evitando di protrarre troppo a lungo la lavorazione per evitare di sciogliere il gelato. Il gelato va consumato immediatamente a fine lavorazione e non va ricongelato; per fare un cono gelato è possibile eventualmente metterlo una mezz'ora nel congelatore, trasferendolo in una vaschetta affinché non perda di consistenza.

Varianti

E' possibile realizzare questo gelato con altri tipi di frutta.

Ricette correlate