Per migliorare la tua navigazione e personalizzare la tua esperienza su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Continuando la navigazione, acconsenti agli utilizzi di cookie e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookie Policy.

Cavolfiori al gratin

Tempo

Preparazione: 10min
Cukò: 32min
Forno: 10min

Porzioni

4 persone

Difficoltà

Costo

Programma

Preparazione

Modalità manuale

  • Sistemare nel recipiente la lama tritaghiaccio. Mettere il gruviera e tritare premendo PULSE per 15 sec. Togliere la lama tritaghiacco e trasferire il gruviera in una ciotola.
  • Senza lavare il recipiente mettere l’acqua, posizionare il cestello ed al suo interno il cavolfiore, cuocere a vapore a temperatura SF per 20 min. Con l’aiuto della spatola togliere il cestello e svuotare il recipiente.
  • Senza lavare il recipiente sistemare la pala mescolatrice. Mettere la farina, il burro, il latte, il sale e il pepe, cuocere a vel. 3 a 90°C per 10 min.
  • Nel frattempo preriscaldare il forno a 200°C e sistemare le cimette di cavolfiore cotte all’interno di una pirofila da forno.
  • Unire al contenuto del recipiente 2 cucchiai di gruviera grattugiato e la noce moscata, mescolare a vel. 5 per 1 min. Irrorare i cavolfiori con il composto ottenuto e spolverizzare con il restante gruviera grattugiato.
  • Gratinare in forno caldo per 10 minuti (250°C) o sino alla doratura desiderata. Togliere con attenzione dal forno e lasciare intiepidire.
  • Servire caldi o tiepidi.

Benefici

Un piatto a base vegetale, arricchito con latte, formaggio e burro che ha tutte le caratteristiche del secondo piatto. Poco indicato come contorno, le sue peculiarità sono il buon contenuto di proteine e calcio, quest’ultimo un minerale che insieme al fosforo partecipa alla formazione e al rinnovamento delle ossa, garantendo la loro robustezza e resistenza. Una ricetta da inserire nell’alimentazione invernale per i benefici che il cavolfiore può dare nel contrastare le malattie da raffreddamento e i danni provocati dall’inquinamento atmosferico, sempre maggiore nella stagione fredda.

Ricorda di: scegliere un cavolfiore sodo e compatto, con le cimette ben chiuse, la superficie del fiore leggermente annerita è invece indice di una cattiva e prolungata conservazione.