Per migliorare la tua navigazione e personalizzare la tua esperienza su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Continuando la navigazione, acconsenti agli utilizzi di cookie e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookie Policy.

Confettura di fragole

Tempo

Preparazione: 10min
Cukò: 40min

Porzioni

1000 g

Difficoltà

Costo

Programma

Preparazione

Modalità manuale

  • Sistemare nel recipiente la pala mescolatrice. Mettere le fragole, il succo di limone e lo zucchero, cuocere a vel. 4 a temperatura SF per 40 min. con il cestello al posto del misurino per evitare schizzi.
  • Verificare la cottura della confettura (vedi consigli) e se necessario continuare la cottura a vel. 3 a temperatura SF per 5-10 min. oppure proseguire con la ricetta.
  • Versare la confettura all’interno dei vasetti in vetro, chiuderli con il tappo e riporre a testa in giù sino a completo raffreddamento.
  • Consumare.

Consigli

  • Cottura della confettura: fare raffreddare un piattino da caffè in congelatore (5-10 minuti), poi versarvi sopra un cucchiaino di confettura e attendere qualche minuto. Se la confettura rimane soda ed inclinando il piattino scivola lentamente è cotta, in caso contrario procedere come da passaggio 2 e successivamente ripetere il test.
  • Data la bassa quantità di pectina contenuta nelle fragole la confettura fatta in casa avrà una consistenza più liquida. Se si desidera, invece, una consistenza maggiormente soda si consiglia di aggiungere un foglio di gelatina da 5 grammi, ammollato e strizzato, alla fine del passaggio 1 e mescolare a vel. 4 per 1 min. con il misurino sul coperchio.

Benefici

La confettura di fragole, data la sua digeribilità, è ottima per la colazione e la merenda, da spalmare sul pane o per farcire un semplice pan di spagna o per preparare una gustosa e rustica crostata. Un cucchiaio di confettura è l’ideale per una sferzata di gusto e di energia grazie all’elevata presenza di zuccheri semplici.

Ricorda di: le fragole devono essere perfettamente sane, al giusto punto di maturazione ed essere prive di residui chimici. Preferire quelle proveniente da agricoltura biologica. Devono essere sottoposte a un abbondante e accurato lavaggio con acqua corrente, per ridurre il numero di microrganismi eventualmente presenti.