Per migliorare la tua navigazione e personalizzare la tua esperienza su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Continuando la navigazione, acconsenti agli utilizzi di cookie e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookie Policy.

Ragù alla bolognese

Tempo

Preparazione: 5min
Cukò: 1h37min

Porzioni

700 g

Difficoltà

Costo

Programma

Preparazione

Modalità automatica

  • Sistemare nel recipiente la pala mescolatrice. Mettere il trito per soffritto e l’olio extravergine di oliva.
  • Premere , selezionare 14, premere e poi . [F1]
  • Unire la carne trita, il vino e il rosmarino, premere . [F2]
  • Aggiungere la passata di pomodoro, il sale e il pepe nero, premere con il cestello al posto del misurino per evitare schizzi. [F3]
  • Utilizzare il ragù alla bolognese come desiderato (vedere consigli).

Modalità manuale

  • Sistemare nel recipiente la pala mescolatrice. Mettere il trito per soffritto e l’olio extravergine di oliva, insaporire a vel. 3 a 110°C per 6 min. [F1]
  • Unire la carne trita, il vino e il rosmarino, sfumare a vel. 1 a 110°C per 3 min. [F2]
  • Aggiungere la passata di pomodoro, il sale e il pepe nero, cuocere a vel. 1 a 100°C per 8 min. con il cestello al posto del misurino per evitare schizzi. Proseguire con la cottura a vel. 2 a 90°C per 40 min., poi vel. 2 a 80°C per 40 min. [F3]
  • Utilizzare il ragù alla bolognese come desiderato (vedere consigli).

Consigli

  • Il ragù alla bolognese è ottimo come condimento per tagliatelle, rigatoni, fettuccine, lasagne e cannelloni.
  • Per addolcire e conferire un sapore più delicato al ragù è possibile aggiungere 20 g. di latte insieme alla passata di pomodoro.

Benefici

Il ragù alla bolognese è un condimento ricco di proteine e minerali che completa l’apporto nutrizionale della pasta, dando origine a piatti unici da integrare unicamente con verdure fresche di stagione. Le carni rosse di manzo e maiale sono molto ricche di ferro altamente biodisponibile, il minerale che consente il trasporto dell’ossigeno a tutto l’organismo e che combatte la stanchezza. Tuttavia, le Autorità Sanitarie suggeriscono di limitare il consumo settimanale di carni rosse al massimo a 1-2 volte la settimana.

Ricorda che: sia le carni bovine che quelle suine devono riportare in etichetta il Paese di nascita dell’animale, il Paese di allevamento, il luogo di macellazione e di sezionamento, il numero o il codice che identifica l’animale o il lotto di animali a cui appartiene la carne.