Per migliorare la tua navigazione e personalizzare la tua esperienza su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Continuando la navigazione, acconsenti agli utilizzi di cookie e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookie Policy.

Risotto agli spinaci

Tempo

Preparazione: 5min
Cukò: 40min

Porzioni

4 persone

Difficoltà

Costo

Programma

Preparazione

Modalità manuale

  • Mettere nel recipiente lo scalogno e la pancetta, insaporire a 110°C per 5 min. Trasferire tutto in una ciotolina e tenere da parte.
  • Senza lavare il recipiente sistemare la lama inox. Mettere 40 g di olio, gli spinaci e la noce moscata, cuocere a vel. 3 a 100°C per 8 min. con il misurino sul coperchio, poi frullare a vel. 8 per 2 min. Togliere la lama inox e trasferire la purea in una ciotola.
  • Senza lavare il recipiente sistemare la pala mescolatrice. Mettere 20 g di olio, il riso, lo scalogno e la pancetta, tostare a vel. 2 a 100°C per 5 min. versando il vino dal foro del coperchio a 2 minuti dal termine.
  • Unire la purea di spinaci, l’acqua e il dado vegetale, cuocere a vel. 2 a 100°C per 15 min.
  • Aggiungere il Parmigiano grattugiato, mantecare a vel. 1 per 5 min.
  • Servire subito.

 

Consigli

Verificare la cottura del riso alla fine del passaggio 4 ed in base al grado di cottura diminiuire o aumentare il tempo di 1-2 minuti al passaggio 5.

 

Benefici

Semaforo verde per questo verdissimo primo piatto di facile digestione e assimilazione. Consigliato a tutte le fasce d’età, da 1 a 99 anni ed essendo privo di glutine può essere consumato anche dai celiaci. Gli spinaci oltre a garantire un buon apporto di vitamina A e vitamine del gruppo B, contengono luteina e zeaxantina, sostanze utili per la salute degli occhi. Sono ricchi di rame e ferro1, ma a dispetto di Braccio di Ferro, vengono assimilati dall’organismo soltanto in parte.

Ricorda che: il riso bianco entra in circolo più rapidamente della pasta e tende dunque a saziare meno a lungo, tale inconveniente può essere evitato scegliendo quello integrale o semintegrale.