Per migliorare la tua navigazione e personalizzare la tua esperienza su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Continuando la navigazione, acconsenti agli utilizzi di cookie e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookie Policy.

Sugo all’amatriciana

Tempo

Preparazione: 5min
Cukò: 28min

Porzioni

600 g

Difficoltà

Costo

Programma

Preparazione

Modalità manuale

  • Sistemare nel recipiente la pala mescolatrice. Mettere l’olio, il guanciale e il peperoncino, insaporire a temperatura SF per 8 min. versando dal foro del coperchio, a 3 minuti dalla fine, l’aceto di vino bianco.
  • Unire i pomodori pelati, lo zucchero e il sale, cuocere a vel. 2 a 100°C per 20 min.
  • Utilizzare come condimento (vedere consigli).

Consigli

Il sugo all’amatriciana viene generalmente servito con pasta lunga tipo bucatini, una spolverizzata abbondante di Pecorino di Amatrice, meno salato e più delicato, ed una spolverizzata di pepe nero in polvere.

La quantità ottenuta è sufficiente per condire 4 porzioni di pasta da 100 g per persona.

 

Varianti

La ricetta originale del sugo all’amatriciana prevede l’utilizzo di guanciale e Pecorino prodotti ad Amatrice; entrambi gli ingredienti hanno un sapore caratteristico differente rispetto alla classica pancetta o al Pecorino Romano. È comunque possibile sostituire gli ingredienti tipici con prodotti simili.

 

Benefici

Pochi ingredienti, ma di qualità per uno dei sughi più popolari della cucina tradizionale italiana. L’ingrediente che valorizza il sugo è il guanciale di maiale, un taglio di carne suina percorso da venature magre, con una composizione di grassi migliore rispetto al lardo che si ottiene dal grasso dorsale e alla pancetta, ottenuta dal ventre. É un sugo saporito e calorico, ideale per condire la pasta nella stagione invernale, da accompagnare con secondi piatti leggeri e verdure.

Ricorda che: la lunga vita dei pelati in scatola non dipende dall’uso di conservanti, bensì dal trattamento termico di sterilizzazione che porta alla distruzione degli enzimi e ddi tutti i microrganismi presenti nell’alimento fresco.